AREA STAMPA

COMUNICATO STAMPA
Decima Edizione del Premio Pio Alferano
CASTELLABATE (SA) - CASTELLO DELL'ABATE
2 LUGLIO 2022 - ore 20.00
Direzione Artistica di VITTORIO SGARBI
LA SERATA

Sabato 2 luglio alle ore 20.00 nel Belvedere San Costabile di Castellabate (SA) sarà conferito il PREMIO PIO ALFERANO 2022 con la direzione artistica di Vittorio Sgarbi.

Da dieci anni a questa parte, il Premio Pio Alferano viene assegnato a personalità nazionali e internazionali che si sono particolarmente distinte per il loro impegno a favore dell'arte, della cultura, dello spettacolo, dell’informazione, dell'ambiente, dell’imprenditoria e del sociale.

Il Premio, voluto dalla Nobildonna Virginia Ippolito Matarazzo, è nato per onorare e ricordare la figura del marito, il Generale dei Carabinieri Pio Alferano, distintosi per la rettitudine morale e per la strenua difesa fornita in favore della legalità e del patrimonio culturale. Negli anni Settanta in special modo, egli svolse un ruolo determinante al comando dell’allora Nucleo Tutela Patrimonio Artistico, recuperando innumerevoli opere d’arte di inestimabile valore e ideando la prima Banca Dati riguardante i beni culturali illecitamente sottratti, di esempio per il resto del mondo.

Il Premio consiste in una preziosa scultura in ceramica del noto scultore Livio Scarpella, dal titolo Desiderantes.

PREMIO PIO ALFERANO 2022.jpg
I PREMIATI 2022
  • CESARA BUONAMICI

  • HOARA BORSELLI

  • RICCARDO GUARIGLIA

  • MYRTA MERLINO

  • ENRICO RUGGERI

  • BRUNO TORRISI

  • MARCELLO VENEZIANI

  • GABRIEL ZUCHTRIEGEL

 

LE MOSTRE 2022

 

SABATO 2 LUGLIO 2022 | CASTELLABATE (SA)

ORE 20.30 | CASTELLO DELL'ABATE | BELVEDERE SAN COSTABILE

 

La premiazione sarà preceduta dall’inaugurazione di due mostre curate dal Direttore Artistico Vittorio Sgarbi:

IMITANDA

IL MITO DELL'ARCHEOLOGIA E IL SOGNO DEL GRAND TOUR NELLA COLLEZIONE DI GIAIMO
A cura di Vittorio Sgarbi.

Un immaginifico racconto delle grandi scoperte di Pompei, Ercolano e la Magna Grecia attraverso una raccolta di opere d'arte tra XVIII e XX secolo che parlano del territorio. Capolavori delle Reali manifatture partenopee di porcellane, bronzi, vasi, arredi e dipinti celebrativi vengono presentati in una trionfante "imbandizione" nel gusto reinterpretato dell'ospitalità dei Borbone, mentre, in una "Sala degli Studi" ed in una "Sala del Peristilio", marmi e sculture declinano il senso dell'otium e la cultura degli antichi. Il percorso giunge ai nostri giorni con opere di Emblema, Dalisi, Oste e Paladino. Patrono protettore del racconto è San Gennaro che in un ricreato oratorio devozionale, veglia all'ombra di una teatrale eruzione dello "Sterminator Vesevo".

 

SGARBEIDE

Una rassegna fotografica che ripercorre gli innumerevoli viaggi di Vittorio Sgarbi in Italia e all’estero attraverso gli scatti del suo addetto stampa, Nino Ippolito. Un omaggio della Fondazione al suo Direttore Artistico in occasione dei suoi 70 anni.

IL LIBRO DEL GIORNO DOPO

​DOMENICA 3 LUGLIO 2022 | OGLIASTRO MARINA (SA)
ORE 20.30 | PIAZZA GIOVANNI PAOLO II


Talk Show condotto da GRETA MAURO e CARLO VULPIO

con la pertcipazione di Vittorio Sgarbi, Federico Palmaroli (Osho), Enrico Ruggeri, Marcello Veneziani, Gabriel Zuchtriegel.

  • VITTORIO SGARBI, Raffaello - Un Dio mortale, La Nave di Teseo editore

  • VITTORIO SGARBI, Festschrift per Vittorio Sgarbi - Settanta scritti e altrettanti auguri, Franco Maria Ricci editore

  • MARCELLO VENEZIANI, La cappa - Per una critica del presente Marsilio editore

  • ENRICO RUGGERI, Un gioco da ragazzi, La Nave di Teseo editore

  • GABRIEL ZUCHTRIEGEL, Paestum - I luoghi dell'archeologia, Carocci editore

  • FEDERICO PALMAROLI, Carcola che ve sfonno - Il meglio (e il peggio) di un anno italiano, Rizzoli editore

 

 

LA FONDAZIONE

 

La Fondazione Pio Alferano e Virginia Ippolito è nata nel 2012 per onorare la memoria del Generale dei Carabinieri Pio Alferano, distintosi per la sua strenua difesa in favore della legalità e dell’arte negli anni settanta, nei quali ebbe un ruolo determinante al comando del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri. Sotto la sua guida e grazie alla sua attività investigativa, furono ritrovate inestimabili opere d’arte che erano state illecitamente sottratte.
La Fondazione, ispirandosi ai valori del Generale e di sua moglie, si prefigge di promuovere una cultura di rispetto per la natura e l’arte in tutte le sue forme, di valorizzare la storia e le tradizioni d’Italia, di fornire visibilità a giovani artisti di talento, di dare giusto risalto alle scoperte storiche e
archeologiche e di adoperarsi attivamente per la salvaguardia di monumenti e paesaggi naturali che rischiano, per incuria o cattiva gestione, di essere irrimediabilmente perduti. Quindi, vengono promosse iniziative volte alla diffusione della conoscenza del patrimonio artistico italiano in tutte le sue espressioni, nonché a sostenere la tutela di siti di particolare interesse ambientale, attraverso l’organizzazione di mostre e di visite culturali.

Ogni anno a Castellabate (SA), nel corso di una manifestazione patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, dal Comune di Castellabate e dall’Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, la Fondazione assegna il Premio Pio Alferano a personalità che, in vari ambiti, si sono impegnate a favore dell’arte, della cultura e dell’ambiente.

A partire dall’anno accademico 2017 – 2018, nell’intento di perseguire finalità rivolte ai giovani di talento che intendano dare impulso in particolare alla promozione e alla salvaguardia del patrimonio artistico, paesaggistico, storico e archeologico, la Fondazione ha stabilito, per specifica volontà della signora Virginia, di bandire una Borsa di studio destinata a studenti nati o residenti nel Comune di Castellabate (SA).
www.fondazionepioalferano.it