Un sogno

lungo tre sogni

di Vincenzo Mazzarella

La mostra di Enzo Cucchi è un viaggio iniziatico.

Inizia con il vascello di bronzo.

Con le teste dei Cristi che lambiscono le onde delle nubi,

presumibilmente quelle dipinte da Piero della Francesca,

e continua con la bussola creata dal gatto, l’unico personaggio vivo.

Continua con le cattedrali di marmo e con le sovraesposizioni di teschi o animali.

D'altronde le cattedrali erano costruite sulla storia.

Continua con l’arrivare a riva e c’è il gallo, un'altra presenza viva.

Di nuovo il gatto padrone del mondo nuovo.

Poi un altro giorno, quindi teschi e alberi.

Il mondo nuovo si fonda sulla storia e la storia è fatta di ricordi di morti.

Viva è solo la materia dell’artista e le sue visioni,

non sono memento mori, sono piccole visioni e astruse immagini.

Il sogno continua,

in quattro, cinque, sei, sette,

e altri settemila sogni.

Divertitevi.

 

Vincenzo Mazzarella

Cattedrale 2008
Cattedrale 2008
Cattedrale 2010
Senza titolo 2013
1/2